Avantasia

Tobias Sammet, tra un impegno e l'altro con gli Edguy, si rifugia nel mondo di Avantasia. Nel 2001 il leader della band tedesca dà vita ad una metal opera divisa in due parti, coinvolgendo numerosi ospiti della scena internazionale e dando libero sfogo alla propria verve compositiva in ambito power symphonic metal. Michael Kiske, Kai Hansen, David De Feis, Andre Matos, Rob Rock, sono solo alcuni dei vocalist coinvolti nei primi due capitoli di Avantasia, che riscuotono un successo insperato in ogni parte del globo.

Nel 2008 Tobias, dietro alle incessanti richieste dei fan, scrive un nuovo capitolo della sua creatura, "The Scarecrow", riuscendo a chiamare a sé un parterre de roi da far strabuzzare gli occhi, a partire dal mitico Alice Cooper, passando per Bob Catley, Jorn Lande e Roy Khan. Tra power metal ed hard rock, tra passaggi orchestrali e sfuriate ritmiche, Sammet fa ancora una volta centro, componendo una manciata di song vincenti e trascinanti, come il singolo "Lost In Space" e la lunga e complessa title track. Inoltre, per la prima volta, grazie alla tenacia del produttore e chitarrista della band Sascha Paeth, il progetto viene portato anche on stage, diventando il vero evento dei festival di quell'estate.

Nel 2010 un nuovo doppio album targato Avantasia esce nei negozi. "The Wicked Symphony" ed "Angel Of Babylon", venduti sia separatamente, sia raccolti in un cofanetto deluxe, non raggiungono l'eccellenza compositiva dei predecessori, ma ottengono ugualmente un grande consenso, tanto che il vocalist degli Edguy nel 2013, dopo aver messo la parola fine al progetto, è tornato sui propri passi, pubblicando il concept album "The Mystery Of Time".

Maggiori informazioni