Bring Me The Horizon

Punto di riferimento per le nuove generazioni che fanno del Metalcore il loro pane quotidiano, i Bring Me The Horizon hanno saputo nel corso degli anni forgiare un sound personale e riconoscibile. L'esordio avvenuto nel 2006 con "Count Your Blessing" aveva denotato una naturale propensione verso sonorità Grindcore, fatte di ritmi forsennati e vocals con alternanza di screamings e growlings; questa attitudine si è evoluta con i successivi album: "Suicide Season" manifesta già una virata verso lidi più hardcore e meno Grind, con l'introduzione di passaggi melodici, ben marcati nel successivo "There Is A Hell, Believe Me, I've seen It. There Is A Heaven, Let's Keep It A Secret", che procedono di pari passo con l'introduzione di elementi elettronici, fino a giungere con "Sempiternal" alla definitiva consacrazione di uno stile unico che fonde perfettamente melodia ed aggressività.

Capeggiati dal frontman Oliver Sykes, i britannici Bring Me The Horizon incendiamo i palchi di tutto il mondo con spettacoli travolgenti ed accorati, rafforzando di anno in anno la loro leadership nel campo del Metalcore a tinte Emo.

Maggiori informazioni
Pagina di 2