Maggiori informazioni
Disponibile a magazzino

Arrivo dell'ordine circa: 3 novembre 2020 - 4 novembre 2020

Descrizione articolo

A fianco della potente vocalist Simone Simons, troviamo arrangiamenti molto d'atmosfera e parti con voci maschili, conditi da belle melodie e notevoli riff di chitarra per questo "The divine conspiracy".

Scheda Articolo

Codice articolo 432109
Sesso Unisex
Genere Musicale Symphonic Metal
Esclusiva EMP No
Media - Formato 1-3 CD
Tema Band
Band Epica
Tipologia prodotto CD
Data di pubblicazione 07/09/2007
Sesso Unisex

CD 1

  • 1.
    Indigo
  • 2.
    The obsessive devotion
  • 3.
    Menace of vanity
  • 4.
    Chasing the dragon
  • 5.
    Never enough
  • 6.
    La 'petach chatat rovetz (The last embrace)
  • 7.
    Death Of A Dream [the Embrance That Smothers - Part 7]
  • 8.
    Fools Of Damnation [the Embrace That Smothers - Part 9]
  • 9.
    Living a lie [The embrace that smothers - part 9]
  • 10.
    Beyond belief
  • 11.
    Safeguard to paradise
  • 12.
    Sancta terra
  • 13.
    The divine conspiracy

da Tero Lassila (19.07.2007) Potete pensarla come volete sulle donne dietro al microfono. I detrattori devono stare attenti questa volta, perché gli Epica tornano con un sound molto più heavy che in passato e stupiranno tutti coloro che li definiscono fin troppo tranquilli. "The divine conspiracy" suona come un avvertimento, è veloce come un proiettile, pieno di affascinanti melodie ma altrettanto profondo e ricco di carattere. Ciò che gli olandesi sono riusciti a fare con queste tredici, magnifiche canzoni, è unico e segna a tutti gli effetti un punto di svolta nella storia della band. La front lady Simone Simons convince con la sua voce, crea delle emozioni profonde ma al tempo stesso è aggressiva come non mai. Canzoni come "Never enough" e "Chasing the dragon" scoprono tutte le carte in tavola e non lasciano dubbi sulle potenzialità della band. Arrangiamenti atmosferici e passaggi di voce maschile, rendono l’ascolto ancora più vario. "The divine conspiracy" è un grande passo avanti per gli Epica, proprio ciò che la band meritava da tempo.